Filtro
  • Foglio circolare dell'Unità Pastorale 23

    Circolare pastorale dell'Unità Pastorale 23 - Sassi: Domenica 13 febbraio 2016
    Foglio circolare dell'Unità Pastorale n. 23

    Parrocchie: Assunzione di Maria Vergine ín Reaglie; Madonna del Pilone; Madonna del Rosario; N.S. del SS. Sacramento; S. Grato ín Mongreno; S. Margherita aí colli; S. Maria di Superga.

    Carissimi Parrocchiani dell'Unità Pastorale e amici tutti,

    nell'anno Pastorale 2015-2016 vi proponiamo per la QUARESIMA le seguenti iniziative:

    due incontri di formazione ispirati all'Anno Santo o Giubileo della Misericordia:

    Mercoledì 2 marzo h. 20.45: "La misericordia di Dio in Cristo in alcuni testi fondamentali del NT"
    Rel. Don Carlo Collo Parroco di Reaglìe e già docente dì temi penitenziali.

    Mercoledì 16 marzo h. 20.45: "Le molteplici vie della penitenza e della riconciliazione".
    Rel. Don Carlo Collo Parroco di Reaglie e già docente di temi penitenziali.
    Sede: Salone della Parrocchia N.S. del Santissimo Sacramento Via Casalborgone 16 Torino.

    "In molti e diversi modi il popolo di Dio fa questa continua penitenza e si esercita in essa. Prendendo parte, con la sopportazione delle sue prove, alle sofferenze di Cristo, compiendo opere di misericordia e di carità, e intensificando sempre più, di giorno in giorno, la sua conversione, secondo il vangelo di Cristo, diventa segno nel mondo di come ci si converte a Dio" (RP 4).
    "Riconciliatrice è la Chiesa anche in quanto mostra all'uomo le vie e gli offre i mezzi per la suddetta quadruplice riconciliazione. Le vie sono, appunto, quelle della conversione del cuore e della vittoria sul peccato, sia questo l'egoismo, l'ingiustizia, la prepotenza o lo sfruttamento altrui, l'attaccamento ai beni materiali o la ricerca sfrenata del piacere. I mezzi sono quelli del fedele e amoroso ascolto della parola di Dio, della preghiera personale e comunitaria e, soprattutto, dei sacramenti, veri segni e strumenti di riconciliazione" (RP 8)

    Un ritiro Spirituale

    Domenica 6 marzo h. 15-18: "Il sacramento della Riconciliazione e della penitenza secondo il Nuovo Rito. Un testo autorevole da valorizzare"
    L'incontro sarà guidato da Don Carlo Collo Parroco di Reaglie e già docente di temi penitenziali.
    NB. Altamente consigliata la lettura delle "Premesse al Rito della Penitenza"
    Sede: Salone della Parrocchia Assunzione di M.V. in Reaglie Str. di Reaglie 1 Torino

    Una celebrazione del Sacramento della Penitenza

    Mercoledì santo 23 marzo h. 20.45: "Celebrazione comunitaria della riconciliazione con confessione e assoluzione individuale"
    Sede: Parrocchia Madonna del Pilone Cso Casale 195 Torino

    I Consigli pastorali, l'Equipe e i preti dell'Unità Pastorale 23 vi invitano a partecipare tutti a questi incontri e a darne notizia anche ai vostri amici e conoscenti anche di altre parrocchie. Vi attediamo!

  • Una Domenica a Bose

    Domenica 2 marzo 2014

    Da tempo desideravamo fare l’esperienza di vivere una giornata in una comunità monastica per condividere le loro preghiere e dedicare un tempo preciso alla riflessione personale, facendo “deserto”, lontani dalle preoccupazioni di tutti i giorni.

    Viene scelto il Monastero di Bose nel comune di Magnano (Biella), situato sulla serra di Ivrea, circondato da splendide montagne ancora innevate, bellissimi prati fioriti di crocus e primule. La bellezza del luogo, nonostante il nostro arrivo il sabato pomeriggio sotto una pioggia insistente, favorisce già al primo impatto, il raccoglimento e la lode a Dio per il dono di questa opportunità di iniziare bene la Quaresima.

    Alle 18,30 partecipiamo alla preghiera della sera nella chiesa. Solo il grande crocefisso posto dietro all’altare è illuminato, i monaci fanno il loro ingresso e dopo un profondo inchino si recano al proprio posto, a quel punto tutte le luci si accendono ed inizia la preghiera dei salmi che ci trasporta in una dimensione di profonda pace: “Pregate perché la parola del Signore corra. Cristo è sempre vivente ed intercede per noi. Viva è la parola di Dio più tagliente di una spada a doppio taglio”

    Segue la cena consumata in silenzio in locali  per 11 persone ed un monaco.

    Ore 20,30 Lectio divina in chiesa sul vangelo della domenica Mt 6,24.

    L’insegnamento evangelico può essere riassunto in quello che è il motto della Comunità di Bose: VIVERE L’OGGI DI DIO: Vivere intensamente l’oggi facendone occasione di carità, accettare gli altri così come sono, cercando di cambiare noi stessi. Occorre inoltre fidarsi completamente dell’amore di Dio, accettandolo ed accogliendolo anche nell’oscurità delle prove più dure.

    Domenica 2/3 – Tempo splendido. Ringraziamo Dio di poter godere a fondo questa natura incantevole.

    Ore 8.00 Preghiera di Resurrezione: “Venite adoriamo Dio nostro Re – Cristo è risorto dai morti, così la morte calpesta la morte ed ai morti nel sepolcro fa dono della vita”.

    Ore 10,00 Arrivo dei ns. parrocchiani che avevano scelto di trascorrere solo  la domenica. Il monaco dell’accoglienza ci illustra i vari luoghi del monastero e la Monaca Antonella ci parla della storia di Bose.

    Tutto inizia a metà degli anni 60 nel secolo scorso, quando Enzo Bianchi , giovane laureato, aspirava a diventare monaco. Dopo una breve esperienza a Taizé, viene esortato da Frère Roger a fondare una comunità simile in Italia. Egli trova il terreno nel comune di Magnano, all’epoca zona di forte emigrazione verso l’Argentina, nei pressi di una chiesa romanica, tutt’ora esistente. Dopo i primi durissimi anni la comunità si ingrandisce vengono accolte persone di altre professioni cristiane ed una donna. E’ l’inizio di quello che sarà una comunità ecumenica composta da monaci e monache con un unico Priore Enzo Bianchi. Attualmente a Bose vivono 70 tra monaci e monache ed altre fraternità sono sparse in tutta Italia.

    La giornata dei monaci è ispirata al motto benedettino “Ora et labora” : sveglia alle 4,30 , preghiera personale, preghiera comunitaria.

    Tutto viene svolto con la massima dedizione. Su questo punto Antonella  precisa : “Compiere bene il proprio lavoro è dire agli altri: ti voglio bene” Anche l’accoglienza è particolarmente curata : “Entriamo in dialogo con il credente ed il non credente, questa è l’umanità: siamo tutti in movimento per creare qualcosa di positivo che ci  permetta di vivere insieme in  armonia.

    Ore 12,00 Messa della comunità.

    Ore 13,00 Pranzo sempre a gruppi di 12 ma, la domenica, è permesso parlare e gustare un po’ di vino.

    A seguire visita alla mostra delle icone dipinte dai monaci. Ci viene spiegato che un’icona non è oggetto di culto ma un semplice strumento a supporto della nostra preghiera: la figura rappresentata (Santi, Madonna) si fa prossima a noi per portarci a Dio.

    Ore 17.00 Vespri un ultima esperienza di pace prima del rientro.

    Vorremmo concludere con un pensiero riportato sul foglio d’accoglienza nelle camere con l’augurio di essere stati in grado di realizzare quanto descritto:

    “Se vai in capo al mondo trovi le tracce di DIO, se scendi nel tuo profondo trovi DIO stesso”

    Buona Quaresima a tutti!

    Luisa , Cristina Aldo, Annamaria  e Grazia

     

  • Quaresima 2014

    Tempo favorevole, tempo di salvezza: messaggio dell'Arcivescovo per la Quaresima

    Invito a compiere un gesto di amore concreto per tanti fratelli e sorelle poveri

     Cari fratelli e sorelle,

     il cammino della fede che ogni anno la Chiesa ci offre nei tempi liturgici ha il suo più intenso momento di grazia nella Quaresima, nella quale siamo invitati alla conversione del cuore per rinnovare il nostro “sì” di fede e di carità a Colui che è morto e risorto per noi e ci ha donato una vita nuova ed eterna. Una vita che abbiamo ricevuto nel Battesimo, quando, rinati proprio grazie al mistero pasquale, siamo diventati figli nel Figlio di Dio. Per questo la Quaresima è tempo santo di riscoperta comunitaria del Battesimo, per riviverne la ricchezza di grazia, che abbiamo ricevuto, e confermare, nella Notte Santa di Pasqua, la nostra adesione alla fede in Cristo e l’impegno a testimoniare il suo amore.

     La Quaresima è dunque tempo catecumenale. Lo è per quanti si preparano anche oggi al Battesimo, per ogni credente e per l’intera comunità. Quest’anno poi i testi biblici delle sante Messe domenicali ci permettono di approfondire questo mistero della nuova nascita ed i segni che l’accompagnano: l’acqua, la luce, il pane di vita, la risurrezione. Sono segni che richiamano l’esistenza concreta, di cui abbiamo bisogno ogni giorno e che possiamo riassumere tutti nel grande dono della fede: «Dio ci ha tanto amato da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna» (Gv 3,16).

     Questa è la vita eterna: che crediamo nel Figlio di Dio e, amandoci gli uni gli altri, ne testimoniano la vita. È l’amore, il suo amore assoluto e definitivo, che redime l’uomo da ogni forma di schiavitù morale e materiale. Ogni gesto di amore manifesta che siamo redenti e che vogliamo vivere, come Cristo, fino al dono di noi stessi per gli altri. «Amatevi come io vi ho amato» è il suo comandamento nuovo, perché così «tutti conosceranno che siete miei discepoli» (Gv 13,34-35).

     Preghiera, digiuno e carità sono le tappe del cammino di conversione che la Quaresima ci invita a vivere nelle nostre comunità e nelle nostre case. Ci aiuta il sussidio della Quaresima di fraternità “Là dove l’acqua è più pura”, che come ogni anno viene preparato dagli Uffici della Curia per aiutare soprattutto le famiglie a sostare nella propria casa per un momento di ascolto del Vangelo e di preghiera accompagnata da impegni concreti di amore verso i malati, i poveri e le persone bisognose di speranza. Ogni giorno può essere momento favorevole per incontrare il Signore e, nel suo nome, accogliere la luce della sua Parola per testimoniarla negli ambienti di vita e di lavoro. Anche ci aiutano gli Esercizi spirituali al popolo sul tema del Credo, che stiamo svolgendo in questi anni nelle parrocchie e che riguardano la professione di fede sullo “Spirito Santo”.

     Ricordo, infine, l’invito che la nostra Diocesi ogni anno rivolge alle parrocchie, alle comunità religiose e laicali e ad ogni cristiano e uomo di buona volontà, a compiere un gesto di amore concreto per tanti fratelli e sorelle poveri tra noi e nel mondo, che attendono la testimonianza della nostra fede e carità. La nostra offerta sia accompagnata dalla preghiera e sia frutto di sacrificio. Non vogliamo dare il superfluo, ma il necessario, perché solo così anche a noi non mancherà mai ciò di cui abbiamo bisogno in beni, ma soprattutto in amore e pace. Perché «chi semina scarsamente, scarsamente raccoglierà; chi semina con larghezza, con larghezza raccoglierà» (2 Cor 9,6).

    Invito i gruppi dei ragazzi del catechismo, dell’ACR, degli Scout, dell’oratorio e i giovani a farsi promotori di questa iniziativa, anche verso tanti loro coetanei nelle scuole e in parrocchia. I gruppi missionari in particolare siano animatori della comunità cristiana affinché nessuno resti ai margini di questo impegno che deve coinvolgere tutti.

     Con l’augurio che possiate sperimentare quanto Dio ama chi dona con gioia, vi benedico e prego il Signore perché la Quaresima sia per tutti il tempo propizio per nutrire lo spirito del pane di vita, che è Cristo, Parola, Eucaristia e Carità.

                                                                                       Mons. Cesare Vescovo, padre e amico


    Andiamo alla fonte

     Un cammino di 40 giorni per rivedere il nostro rapporto con Dio e per rinnovarlo, per rivedere che cosa guida e ispira la nostra vita, il nostro concreto agire quotidiano nel rapporto con gli altri, con le cose, con il mondo, con il creato e con la pace.

     Carissimi,

     all’inizio della Quaresima ancora una volta risuona l’invito del Signore: “Ritornate a me con tutto il cuore”. In questi 40 giorni è il cuore l’oggetto della nostra attenzione. Un cuore da convertire, un cuore da far ritornare là dove è la fonte della vita.

    “Andiamo alla fonte” è l’indicazione che bene esprime il cammino che ci attende. Andiamo alla fonte della vita che è Cristo Signore, perché il nostro cuore diventi come il suo cuore, un cuore traboccante d’amore, un cuore che per non chiudersi si è fatto trafiggere sulla croce. Andiamo alla fonte che è Cristo per imparare ad amare, pensare ed agire come Lui.

    Andiamo a quella fonte inesauribile che è la Parola di Dio, una parola che in questo tempo ci è chiesto di frequentare più assiduamente, perché diventi la luce e la guida sul nostro cammino.

    Andare alla fonte ci ricorda il nostro battesimo. In questo tempo in cui le nostre riflessioni pastorali sono focalizzate sulla pastorale battesimale e dell’iniziazione cristiana, ci farà bene riscoprire quella fonte che ci ha generato nella fede, che ci ha inseriti nella famiglia della Chiesa, che ci ha reso partecipi della vita eterna.

    Stimolati dalla parola efficace del papa Francesco, andare alla fonte corrisponde anche all’andare alle “periferie del mondo” per incontrare il fratello che è nella difficoltà, nel dolore, che vive isolato. E andando nelle periferie, ritrovare il Cristo risorto che lì ci attende nascosto nel cuore del povero e nelle pieghe dimenticate della storia.

    Andare alla fonte per cambiare il cuore è dunque rivedere che cosa guida e ispira la nostra vita, il nostro concreto agire quotidiano. Abbiamo 40 giorni per rivedere il nostro rapporto con Dio e per rinnovarlo. In questo tempo quaresimale ci è anche chiesto di rivedere che cosa ispira e guida il nostro rapporto con gli altri, con le cose, con il mondo, con il creato e con la pace.

    Questo cammino, che sempre rimane di conversione personale, non lo facciamo da soli, ma con la Chiesa, con la nostra comunità.

    Andare alla fonte non diventi però un tornare nostalgicamente ad un passato che non esiste più. La fonte che è Cristo è una fonte continuamente zampillante e che sempre ci rimanda al vivere nel mondo di oggi, con la gente di oggi, immersi nei problemi di questo nostro tempo.

    Invito ogni comunità, ma ancor più ogni singolo cristiano, a seguire un programma semplice, concreto e preciso per il proprio cammino spirituale quaresimale. Per andare alla fonte dobbiamo pregare di più, per attingere dall’intimità con il Signore quei tesori di amore e grazia che arricchiscono la nostra vita. Abbiamo bisogno di digiuno, per ribadire con gesti concreti il primato di Dio nella nostra vita.

    La preghiera e il digiuno diventano quindi carità concreta ed operosa, perché andare alla fonte significa creare un mondo migliore più giusto e pacifico che fa di Cristo il suo cuore.

    In questo cammino vorrei ricordare la proposta della catechesi quaresimale con gli Esercizi spirituali al popolo sul terzo articolo del Credo: “Credo nello Spirito Santo”.

    A tutti propongo il fascicolo unitario della Quaresima di Fraternità che offre e concretizza l’itinerario formativo e spirituale della quaresimale per la nostra diocesi. Ringrazio nuovamente tutti gli uffici diocesani che per il secondo anno, in spirito di collaborazione e coordinamento, lo hanno realizzato.

    Le occasioni e gli strumenti per “andare alla fonte” non ci mancano. La mia preghiera e il mio augurio è che questo nostro andare alla fonte della vita possa tra- sformare i nostri cuori e renderli sempre più simili al cuore di Cristo.

    Affidiamo il nostro cammino alla Vergine Maria che ancora una volta ci invita a “fare ciò che Egli ci dirà”.

    Mentre vi benedico auguro a tutti una buona quaresima.

                                                                                             Mons. Cesare Nosiglia Arcivescovo di Torino

     


    Preghiera comunitaria

    Dio nostro Padre,

    strappa dal nostro cuore ogni egoismo

    e rendici pronti a donare gratuitamente

    come gratuitamente abbiamo ricevuto.

    Gesù nostro fratello,

    donaci di seguire il tuo esempio

    nel prenderci cura di chi ha bisogno,

    ricordaci sempre

    che il più grande è colui che serve di più

    e che il primo è l’ultimo di tutti.

    Spirito d’amore,

    raccoglici in unità,

    allontana da noi colui che divide

    e donaci il perdono e la tua grazia.

    Ti ringraziamo Signore,

    per la gioia di condividere con i poveri

    e perché ti curi dei nostri cuori spezzati.

    Amen

     


     

     Sussidio diocesano Quaresima 2014, clicca qui per scaricarlo

     

     

     Per leggere il Messaggio del Santo Padre Francesco clicca qui

     

     

  • XXII Giornata mondiale del malato