In evidenza durante il tempo del Coronavirus

Le celebrazioni comunitarie riprendono!!!

per leggere la lettera del nostro arcivescovo con le indicazioni per partecipare clicca qui.

 

GIOVEDI’ 21 ORE 15.30 S. ROSARIO - ORE 16 S. MESSA

 

SABATO 23 – ORE 18 S. MESSA

 

DOMENICA 24 – ORE 10.30 S. MESSA – ASCENSIONE DEL SIGNORE

 

GIOVEDI’ 28 – ORE 15.30 S. ROSARIO – ORE 16 S. MESSA

 

SABATO 30 – ORE 18 S. MESSA

 

DOMENICA 31 – ORE 10.30 S. MESSA - PENTECOSTE

 


 

 

QUARESIMA DI FRATERNITA’

Si comunica alla comunità che

chi volesse devolvere per la raccolta QUARESIMA DI FRATERNITA’ 2020

al progetto del CISV tramite la Diocesi

potrà effettuare un bonifico bancario sul c/c Parrocchia Assunzione di M. Vergine – Reaglie

IBAN IT29A0301503200000003351777 – CAUSALE: Quaresima di fraternità

 

Il parroco Don Carlo Collo il Consiglio affari economici e il Consiglio Parrocchiale

 



Posizionato davanti alla chiesa di Reaglie

un cesto per la raccolta fraterna di generi alimentari


 

Per il mese di Maggio 2020

papa Francesco con una lettera il 25 Aprile invita a "riscoprire la bellezza di pregare il Rosario a casa nel mese di maggio. Lo si può fare insieme, oppure personalmente" a noi la scelta a seconda delle situazioni, valorizzando entrambe le possibilità.

Ci suggerisce che in ogni caso c’è un segreto per farlo: la semplicità. Ci offre, in aggiunta agli schemi di preghiera che si possono trovare su Internet, i testi di due preghiere alla Madonna, che potremo recitare al termine del Rosario sapendo che anche il santo padre le reciterà nel mese di maggio, spiritualmente unito a noi. Nella sua lettera papa Francesco conclude assicurandoci la sua preghiera e invitandoci a "contemplare insieme il volto di Cristo con il cuore di Maria, nostra Madre,[questo] ci renderà ancora più uniti come famiglia spirituale e ci aiuterà a superare questa prova."

cliccando qui trovi il testo integrale della lettera e le due preghiere.

 


 

Dall'OMELIA DEL SANTO PADRE FRANCESCO "La familiarità con il Signore" di Venerdì, 17 aprile 2020

"I discepoli erano pescatori: Gesù li aveva chiamati proprio nel lavoro. Andrea e Pietro stavano lavorando con le reti. Lasciarono le reti e seguirono Gesù (cfr Mt 4,18-20). Giovanni e Giacomo, lo stesso: lasciarono il padre e i ragazzi che lavoravano con loro e seguirono Gesù (cfr Mt 4,21-22). La chiamata è stata proprio nel loro mestiere di pescatori. E questo passo del Vangelo di oggi, questo miracolo, della pesca miracolosa ci fa pensare ad altra pesca miracolosa, quella che racconta Luca (cfr Lc 5,1-11): anche lì è successo lo stesso. Hanno avuto una pesca, quando loro pensavano di non averne. Dopo la predica, Gesù ha detto: “Prendete il largo” – “Ma abbiamo lavorato tutta la notte e non abbiamo preso nulla!” – “Andate”. “Fidandosi della sua parola – disse Pietro – getterò le reti”. Lì era tanta la quantità – dice il Vangelo – che “furono presi da stupore” (cfr Lc 5,9), da quel miracolo. Oggi, in quest’altra pesca non si parla di stupore. Si vede una certa naturalità, si vede che c’è stato un progresso, un cammino andato nella conoscenza del Signore, nell’intimità con il Signore; io dirò la parola giusta: nella familiarità con il SignoreQuando Giovanni vide questo, disse a Pietro: “Ma è il Signore!”, e Pietro si strinse le vesti, si gettò in acqua per andare dal Signore (cfr Gv 21,7). La prima volta, si è inginocchiato davanti a Lui: “Allontanati da me, Signore, che sono un peccatore” (cfr Lc 5,8). Questa volta non dice nulla, è più naturale. Nessuno domandava: “Chi sei?”. Sapevano che era il Signore, era naturale, l’incontro con il Signore. La familiarità degli apostoli con il Signore era cresciuta.

Anche noi cristiani, nel nostro cammino di vita siamo in questo stato di camminare, di progredire nella familiarità con il Signore. Il Signore, potrei dire, è un po’ “alla mano”, ma “alla mano” perché cammina con noi, conosciamo che è Lui. Nessuno gli domandò, qui, “chi sei?”: sapevano che era il Signore. Una familiarità quotidiana con il Signore, è quella del cristiano. E sicuramente, hanno fatto la colazione insieme, con il pesce e il pane, sicuramente hanno parlato di tante cose con naturalità. Questa familiarità con il Signore, dei cristiani, è sempre comunitaria. Sì, è intima, è personale ma in comunità. Una familiarità senza comunità, una familiarità senza il Pane, una familiarità senza la Chiesa, senza il popolo, senza i sacramenti è pericolosa.
Può diventare una familiarità – diciamo – gnostica, una familiarità per me soltanto, staccata dal popolo di Dio.
La familiarità degli apostoli con il Signore sempre era comunitaria, sempre era a tavola, segno della comunità. Sempre era con il Sacramento, con il Pane.
Dico questo perché qualcuno mi ha fatto riflettere sul pericolo che questo momento che stiamo vivendo, questa pandemia che ha fatto che tutti ci comunicassimo anche religiosamente attraverso i media, attraverso i mezzi di comunicazione, anche questa Messa, siamo tutti comunicanti, ma non insieme, spiritualmente insieme. Il popolo è piccolo.
C’è un grande popolo: stiamo insieme, ma non insieme.
Anche il Sacramento: oggi ce l’avete, l’Eucaristia, ma la gente che è collegata con noi, soltanto la comunione spirituale.
E questa non è la Chiesa: questa è la Chiesa di una situazione difficile, che il Signore permette, ma l’ideale della Chiesa è sempre con il popolo e con i sacramenti. Sempre.
[...]
È vero che in questo momento dobbiamo fare questa familiarità con il Signore in questo modo, ma per uscire dal tunnel, non per rimanerci.
E questa è la familiarità degli apostoli: non gnostica, non viralizzata, non egoistica per ognuno di loro, ma una familiarità concreta, nel popolo.
La familiarità con il Signore nella vita quotidiana, la familiarità con il Signore nei sacramenti, in mezzo al popolo di Dio.
Loro hanno fatto un cammino di maturità nella familiarità con il Signore: impariamo noi a farlo, pure.
Dal primo momento, questi hanno capito che quella familiarità era diversa da quello che immaginavano, e sono arrivati a questo.
Sapevano che era il Signore, condividevano tutto: la comunità, i sacramenti, il Signore, la pace, la festa.
Che il Signore ci insegni questa intimità con Lui, questa familiarità con Lui ma nella Chiesa, con i sacramenti, con il santo popolo fedele di Dio."

clicca qui per la versione integrale

 


 La Libreria Editrice Vaticana ha diffuso gratuitamente on-line e per volontà di papa Francesco il testo digitale della Via Crucis 2020 che è stata presieduta dal Papa in Piazza San Pietro il 10 aprile, in occasione del Venerdì Santo. 

 Sempre attraverso la nuova pagina web della Libreria Editrice Vaticana è disponibile in forma gratuita, in formato digitale, il libro digitale con la parola di Papa Francesco “Forti nella Tribolazione”. Il volume viene costantemente aggiornato con gli interventi del Papa sulla pandemia.

 cliccando qui si accede direttamente al sito per scaricare il file pdf del testo della "Via Crucis". mentre cliccando sull'immagine si accede al sito della libreria Editrice Vaticana  per poter scaricare il libro Forti nella tribolazione in formato pdf


Cari Parrocchiani e amici,

le disposizioni del nostro governo fatte proprie dalla nostra e dalle altre diocesi per fondati motivi di salute pubblica ci chiedono quest’anno di fare un grande sacrificio: rinunciare alle celebrazioni comunitarie della Settimana Santa. Vi preghiamo quindi di usufruire delle celebrazioni teletrasmesse dal papa, dal nostro vescovo o da altri celebranti. Il Signore gradisca questo grande sacrificio e vi colmi delle sue benedizioni. Pertanto le celebrazioni della  DOMENICA DELLE PALME, del  GIOVEDI’ SANTO, del  VENERDI’ SANTO e della VEGLIA PASQUALE non si terranno nella nostra parrocchia.

Don Carlo ricorda tutti voi, le vostre famiglie, i vostri piccoli e i cari anziani nelle sue celebrazioni private e vi manda un saluto e invoca su di voi la benedizione del Signore. Pace e bene! 

 cliccando su https://chiciseparera.chiesacattolica.it/si può scaricare un utile sussidio per vivere in famiglia la Settimana Santa e il Triduo Pasquale


Per rispondere in modo costruttivo alle limitazioni imposte dall’emergenza coronavirus e continuare ad essere vicino almeno virtualmente alla propria comunità,

l’arcivescovo di Torino e vescovo di Susa mons. Cesare Nosiglia celebra in diretta streaming su YouTube da lunedì 11 marzo 2020.

 


 

 

Momento straordinario di preghiera in tempo di epidemia

 

 
Torino 2020 03 15
Carissimi parrocchiani e amici,
 
non avremmo mai immaginato di dover giungere al punto di doverci isolare in casa, di ridurre i nostri contatti, e di dover rinunciare ai nostri incontri, comprese le celebrazioni liturgiche. Mi addolora il fatto di non poter celebrate con voi (lo faccio privatamente) la Messa, soprattutto in questo periodo quaresimale così ricco di testi biblici, di proposte spirituali, e soprattutto, il vostro non poter ricevere la presenza eucaristica di Gesù. Mi mancate, durante la Messa e fuori della Messa, tutti voi: le vostre presenze, i vostri volti, le vostre parole. Speriamo che questo periodo di isolamento non si debba protrarre troppo a lungo e che questo costoso sacrificio produca buoni frutti. Amo intanto condividere con voi alcuni pensieri, riflessioni e consigli.

1. Nella mia messa privata di ogni giorno vi ricordo, tutti e ciascuno. Ricordo voi e i nostri e vostri defunti. Chiedo al Signore che tenga lontano da voi questo morbo insidioso e, per alcuni, letale; guarisca i malati e dia a tutti la forza e la pazienza necessarie per affrontare e superare questa fase difficile della nostra vita.
Prego per il personale sanitario, medici, infermieri, volontari, autotrasportatori e tutte quelle e tutti quelli che ci servono con tanta generosa dedizione. Prego per i nostri governanti e per i loro consulenti chiamati a fare delle scelte difficilissime e impopolari per il bene di tutti. Prego per i vescovi e le loro scelte difficile e sofferte bersagliate da critiche ingenerose.
 Ogni giorno recito anche la bella preghiera composta dal nostro Arcivescovo Cesare circostanziata a questa epidemia e altre belle preghiere analoghe come quella di Mons. Antonio Staglianò, (clicca qui per accedere)  calabrese di origine e ora vescovo di Noto. Le trovate postate sul nostro sito parrocchiale http://www.parrocchiareaglie.it. Unitevi con me nella recita di queste preghiere.
 Oltre a leggere le disposizioni del nostro Arcivescovo e il suo messaggio vi consiglio anche di leggere il massaggio del vescovo di Bergamo, zona duramente provata. È una lettera pacata, affettuosa e ben argomentata che spiega le difficili scelte dei nostri vescovi. Anche questa la trovate sul sito.
 Ho chiesto al nostro bravo e valente Piero di postare anche il testo della messa della domenica, soprattutto per chi non ha un messalino o ha difficoltà a trovarvi la messa.

[clicca qui per la liturgia del giorno  https://www.chiesacattolica.it/liturgia-del-giorno/ nb: cliccando sul giorno nel riquadro del calendario si accede al giorno del quale si desiderano visualizzare i testi].

È una bella occasione per leggere, meditare e far nostri questi bei testi di preghiera. Vi rammento la frase di San Tommaso d’Aquino “Virtus divina non est alligata sacramentis” “la virtù (salvifica) di Dio non è legata ai sacramenti” (STh III, q.72, a.6, ad 1), non per svalutare i sacramenti, ma per ricordarvi che il braccio paterno di Dio non è così corto da non poterci raggiungere anche al di fuori dei sacramenti. Il desiderio di comunicare con lui e con il Figlio suo Gesù nello Spirito Santo non è mai senza effetti. Ricorriamo alla comunione spirituale che in queste circostanze è provvidenziale.  «Se uno mi ama, osserva la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui» (Gv 14,23).

2. Stando a casa ritagliatevi un po’o di tempo per la lettura della Parola di Dio e per la preghiera più prolungata. Quest’anno leggiamo il Vangelo secondo Matteo. Ecco una bella occasione per leggere questo vangelo non solo a brani, come avviene nella Messa ma  interamente con una lettura continua accompagnata da un buon sobrio commento (penso ai commenti di Bruno Maggioni, Silvano Fausti, Barbaglio Giuseppe, Harrington Daniel, Boscolo Gastone, Ravasi Gianfranco, Trilling Wofgang, Galizzi Mario,  Grilli Massimo, Tassin Claude e di tanti altri) Potete trovare anche in youtube dei video molto istruttivi sul vangelo di Matteo (ad esempio quelli ben noti di Ravasi e quelli validissimi di don Claudio Doglio).
 È anche un’occasione da non perdere per riascoltare, lette da eccellenti artisti, alcune immortali pagine della nostra letteratura. Sempre in youtube sono disponibili le inarrivabili letture della “Divina Commedia” per voce di Vittorio Gassman (penso al canto 5° dell’Inferno e al canto 33° del paradiso con la preghiera di San Bernardo alla Vergine Maria). Quanto poi ai “Promessi sposi” non perdetevi, in “Ad alta voce” di Rai 3, i primi capitoli letti con bravura impareggiabile da Fabrizio Gifuni). E soprattutto godetevi, a dovuta distanza, i vostri cari e sopperite alla distanza con qualche telefonata.
 
3. Questa dura prova che manifesta i cuori, quelli generosi degli uni e quelli duri e profittatori degli altri, ci riveli la nostra fragilità umana, faccia crescere la nostra umiltà, ci aiuti a capire ciò che è banale, superfluo e persino dannoso e apprezzare ciò che veramente conta e rimane per sempre. Ci faccia comprendere che non tutto ci è dovuto, che la vita è un dono prezioso che va salvaguardato in noi e negli altri, che siano tutti “i custodi delle nostre sorelle e dei nostri fratelli” e che un giorno ce ne sarà chiesto conto.
 Questo sia un tempo di maturazione e di crescita. La stessa privazione della Messa faccia sì che quando ci sarà dato di riprendere ci torniamo con maggiore convinzione e vi partecipiamo con più frutto. Con un saluto che viene dal cuore chiedo al Signore di benedirvi, di custodirvi e di salvaguardarvi da ogni male e a Maria SS. Assunta, patrona della nostra parrocchia, di precorrere il vostro domandare con quella sollecitudine preveniente che usò a Cana e andando dalla cugina Elisabetta, circondandovi della sua materna protezione. Salvete omnes et valete !!!.
                don Carlo Collo

Anche a Reaglie si seguono le indicazioni della Conferenza Episcopale Piemontese, che nel segno di una comune solidarietà con chi è più provato, ha confermato

la sospensione di ogni attività pastorale, riunione o altro, a carattere diocesano, zonale, parrocchiale con relativa chiusura degli oratori o luoghi parrocchiali a questo destinati;


pur invitando a lasciar aperte le chiese per la preghiera personale, mettendo a disposizione strumenti di preghiera. Raccomanda che si osservino le misure precauzionali già indicate. Ha inoltre disposto che

a partire da lunedì 9 marzo siano sospese tutte le celebrazioni delle sante Messe, festive e feriali, le altre celebrazioni liturgiche, riunioni di preghiera e pii esercizi quaresimali. I funerali potranno essere svolti in forma privata con la preghiera di commiato fatta all’aperto, in cimitero;


si sospenda la benedizione delle famiglie; si rimanga disponibili per ascoltare le confessioni, celebrando il sacramento fuori dal confessionale, tenendosi a debita distanza o con precauzione di idonea mascherina.
I Vescovi e i Sacerdoti ricevono con l’ordinazione la grazia e la missione dell’intercessione per il proprio popolo. Sono quindi invitati a celebrare personalmente, a mettere a disposizione strumenti e momenti con i nuovi mezzi della comunicazione per pregare e meditare.
Le comunità a noi affidate sappiano che la sospensione della preghiera comunitaria dell’Eucaristia è una grande privazione, possibile solo in un momento di grave pericolo per il bene di tutte le persone, in particolare degli anziani, mentre assicuriamo che preghiamo per loro e con loro.
Le presenti disposizioni entrano in vigore il 9 marzo 2020 e valgono fino a quando non venga disposto diversamente.


 


in ottemperanza alle raccomandazioni e disposizioni delle competenti autorità religiose e civili anche a Reaglie sono sospese e/o rimandate sia le iniziative parrocchiali che quelle del circolo NOI REAGLIE APS che si allineano alle raccomandazioni dell'arcivescovo e delle autorità.

Per ulteriori informazioni ed aggiornamenti si veda il sito della diocesi:

 

https://www.diocesi.torino.it/

 

 

 

e per seguire la Messa domenicale celebrata da ns arcivescovo

o il Rosario quotidiano

trasmessi in diretta streaming clicca qui


 

 

per aggiornamenti e informazioni e aggiornamenti

consultare anche la pagina del governo:

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/homeNuovoCoronavirus.jsp


 

 

 

 

 

Quaresima 2019

IN PARROCCHIA:

mercoledì 6 marzo – LE CENERI – S. MESSA ore 16 e ore 21 concelebrazione delle Ceneri
venerdì 8 marzo – ore 17 catechismo con celebrazione delle Ceneri

domeniche di QUARESIMA – 10, 17,  24, 31 marzo e 7 aprile ore 10 – LETTURE BIBLICA
giovedì di QUARESIMA 14, 21, 28 marzo e 4 ,11 aprile – ore 15:30 LETTURA LETTERA DEL VESCOVO

DOMENICA DELLE PALME – 14 aprile – ore 10 processione con rami ulivo

lunedì 15 aprile – Confessioni ore 17 – 19
martedì 16 aprile – Confessioni ore  17 – 19
mercoledì 17 aprile – Confessioni ore 17 – 19

INIZIATIVE UNITA’ PASTORALE

giovedì 14 marzo ore 20:45 – nel Salone di Nostra Signora del S. Sacramento – incontro
giovedì 28 marzo ore 20:45 – nel Salone di Nostra Signora del S. Sacramento – incontro

domenica 7 aprile ore 15 – presso Istituto CENACOLO – Piazza Gozzano – ritiro quaresimale

QUARESIMA DI FRATERNITA’

ADULTI e GRUPPO CATECHISMO  - PROGETTO CISV

Progetto "Non + soli"

Visita Pastorale Arcivescovo

Appuntamenti nella nostra parrocchia:

Domenica 13 gennaio 2019

  • ore 9:00 è a disposizione per le confessioni
  • ore 10:00 celebra l’Eucaristia
Venerdì 18 gennaio 2019
  • ore 15:00 visita alcuni ammalati
  • ore 17:00 incontra i ragazzi del catechismo
  • ore 18:00 visita il CISV

oggi

 
liturgia del giorno   liturgia delle ore
 
il santo del giorno   la Bibbia